Legge di Bilancio 2020, a che punto siamo?

By 19 Novembre 2019 Senza categoria

Si avvicina il termine per l’approvazione della Legge di Bilancio la cui discussione è calendarizza in aula al Senato a partire dal 3 dicembre. Sul testo di Disegno di Legge pendono 1.700 emendamenti presentati entro il termine ultimo del 18 novembre e una proposta di modifica radicale degli strumenti agevolativi attualmente in vigore presentata dal MiSE.

Il Disegno di Legge di Bilancio 2020

Il Disegno di Legge di Bilancio 2020 prevede la proroga dell’IPERAMMORTAMENTO fino al 270% sugli investimenti in beni materiali nuovi secondo il modello “Industria 4.0” effettuati entro il 31 dicembre 2020 oppure entro il 31 dicembre 2021 a condizione che entro il 31 dicembre 2020 l’ordine venga accettato dal venditore e sia avvenuto un pagamento dell’acconto in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

E’ prevista anche la conferma del CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONE 4.0 prorogato fino al 2020 senza modifiche rispetto ad oggi. La NUOVA SABATINI verrà rifinanziata con 540 milioni per il quinquennio 2020-2025. Confermata la maggiorazione della misura dal 2,75% al 3,575% per i beni 4.0 a cui sono riservati il 30% delle risorse stanziate E’ prevista inoltre una riserva del 25% delle risorse stanziate per l’acquisto di impianti e attrezzature a basso impatto ambientale, nell’ambito di programmi finalizzati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e dei processi produttivi.

Una delle novità più interessanti è rappresentata dal CREDITO DI IMPOSTA PER L’ECONOMIA CIRCOLARE a sostegno di progetti ambientali che includono l’acquisto di beni strumentali nuovi, fino a 60.000€. Il credito sarà riconosciuto nella misura del 10% delle seguenti spese ammissibili: competenze tecniche e privative industriali relativi all’acquisizione di conoscenze e di brevetti; consulenze specialistiche; personale dipendente titolare di un rapporto di lavoro subordinato, anche a tempo determinato, direttamente impiegati nel progetto ambientale.

La proposta del MiSE

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato una proposta di modifica radicale dei principali strumenti agevolativi. I principi fondamentale su cui si base questa proposta sono: la programmazione pluriennale (2020 – 2022); l’ampliamento della platea dei beneficiari; la maggior incentivazione per le competenze, l’economia circolare, il software e i sistemi IT; una minore incertezza applicativa delle norme. In particolare la proposta si concretizza in questo modo:

  • Passaggio da Iper Ammortamento a Credito d’imposta per i beni materiali connessi all’Industria 4.0. Si tratta di un credito d’imposta utilizzabile in 5 anni nella misura del 40% per investimenti fino a 2.500.000 € e del 20% per la parte eccedente 2.500.000 € e fino a 10.000.000 €;
  • Passaggio da Iper Ammortamento a Credito d’imposta per i beni immateriali connessi all’industria 4.0. E’ prevista un’aliquota del 15% per investimenti fino a 500.000 €;

Modifiche al Credito d’imposta per la Formazione 4.0 con l’eliminazione del vincolo dell’accordo sindacale

Riforma del Credito d’imposta per le spese in Ricerca e Sviluppo prorogato fino al 2022. E’ di fatto la più impattante delle proposte fatte e si concretizza con l’estensione dell’incentivo a innovazione e design e con la sostituzione del metodo di calcolo incrementale con metodo volumetrico con intensità differenziate secondo questo schema:

  • 12% per R&S fino a 3.000.000 €;
  • 6% per innovazione fino a 1.500.000 €;
  • 6% per design fino a 1.500.000 €;

La Legge di Bilancio verrà approvata entro il 31/12/2019, cominceremo ad avere un idea più concreta del suo contenuto dopo il passaggio al Senato. Torneremo a scrivere di questo argomento prima della fine dell’anno.