fbpx Skip to main content
Monthly Archives

Giugno 2020

ECONOMIA CIRCOLARE, IL BANDO APRE IL 5 NOVEMBRE.

By Notiziario Informativo

A partire dal 5 novembre sarà possibile presentare domanda a valere sul bando che sostiene  l’innovazione nell’ambito dell’economia circolare attraverso le agevolazioni previste nel Decreto Crescita del 2019. Il bando ha una dotazione finanziaria di 210.000.000 €

In sintesi:

SOGGETTI BENEFICIARI:
Imprese attive in via prevalente nel settore manifatturiero oppure in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere. Le aziende possono presentare domanda singolarmente o in partenariato, anche con organismi di ricerca, fino ad un massimo di 3 soggetti.

 

AGEVOLAZIONE:
L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato pari al 50% delle spese ammissibili e nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 20% delle spese ammissibili.

 

ATTIVITA’ AMMISSIBILI:

Progetti di ricerca e sviluppo in uno dei seguenti ambiti tematici:

  • Innovazioni di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti, compreso il riuso dei materiali in un’ottica di economia circolare o a «rifiuto zero» e di compatibilità ambientale (innovazioni eco-compatibili);
  • Rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale, attraverso, riciclo e riuso degli scarti alimentari, allo sviluppo di sistemi di ciclo integrato delle acque e al riciclo delle materie prime;
  • Sistemi, strumenti e metodologie per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l’uso razionale e la sanificazione dell’acqua;
  • Strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo;
  • Sperimentazione di nuovi modelli di packaging intelligente;
  • Sviluppo di sistemi di selezione di materiali multileggero al fine di aumentare le quote di recupero e di riciclo di materiali piccoli e leggeri.

Le proposte progettuali dovranno avere costi ammissibili tra 500.000 € e i 2.000.000 € e una durata non inferiore a 12 mesi fino ad un massimo di 36 mesi.

 

TERMINI:

Le domande potranno essere presentate a partire dal 5 novembre 2020 fino ad esaurimento delle risorse finanziarie.

 

 

 

 

ULTERIORI MODIFICHE AL CREDITO D’IMPOSTA SANIFICAZIONE

By Notiziario Informativo
Il Decreto rilancio ha ulteriormente modificato il credito d’imposta attribuito per le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro. Sono state incrementati la percentuale di contributo, il tetto massimo e la dotazione finanziaria. Le imprese restano in attesa del provvedimento attuativo che finalmente darà il via libera alla presentazione della domanda.

in sintesi:

SPESE AMMISSIBILI:

  • sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro;
  • acquisto di dispositivi di protezione individuale, quali mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  • acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti;
  • acquisto di altri dispositivi di sicurezza quali termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, che siano conformi ai requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla normativa europea;
  • acquisto di dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale, quali barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione.

 

AGEVOLAZIONE:

Per l’esercizio 2020 è previsto un credito d’imposta nella misura del 60% delle spese. Il credito d’imposta non potrà eccedere il valore di 60.000 €.

TERMINI TEMPORALI:

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate che stabilirà criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta, verrà adottato entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del DL rilancio.