fbpx Skip to main content
Category

Notiziario Informativo

immagine decorativa con bandiera eu, bandiera italiana e bandiera di regione lombardia

FESR Lombardia: ecco quali sono le agevolazioni regionali per le imprese previste per il triennio 2022-2024

By FESR, Notiziario Informativo

APPROFONDIMENTO FESR – 2°Articolo: Le prime 16 misure

Regione Lombardia ha approvato un primo pacchetto di 16 misure attuabili grazie alle risorse del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2021-2027. Tali interventi riguardano il triennio 2022-2024 e sono relativi a differenti ambiti, quali l’internazionalizzazione, lo sviluppo delle competenze e l’efficientamento energetico.

Vediamo nel dettaglio le 16 misure che saranno attivate da Regione Lombardia, suddivise per trimestre di apertura:

Bandi a agevolazioni per le imprese – ottobre – dicembre 2022

Il 4° trimestre 2022 si caratterizza per la presenza di ben 4 misure relative a linee di intervento differenti. In particolare, saranno attivate delle azioni per:

  • Strumenti finanziari per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi (€15 milioni);
  • Interventi di Venture capitale a favore di start up e scale up (€40 milioni);
  • Strumento finanziario a sostegno allo sviluppo aziendale e alla transizione digitale a vantaggio della ripresa economica (€80.7 milioni);
  • Contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi di consulenza e/o formazione per i progetti della Specializzazione Intelligente di Regione Lombardia (€7 milioni). 

Quest’ultimo punto risulta ancora più rilevante visto che i dati del DESI 2022 dimostrano quanto l’Italia sia ancora indietro per quanto riguarda le skill digitali del nostro capitale umano.

Bandi a agevolazioni per le imprese – gennaio – marzo 2023

Per i primi mesi del 2023, Regione Lombardia ha definito 5 differenti misure, volte ad incentivare gli investimenti delle PMI, soprattutto nell’ambito delle reti d’impresa, della sostenibilità e dell’internazionalizzazione:

  • Azioni di sistema per scouting investitori esteri (€2 milioni);
  • Microcredito per le nuove imprese (€24 milioni);
  • Agevolazioni per lo sviluppo di progetti di filiera (€4 milioni);
  • Agevolazioni per il miglioramento tecnologico e l’innovazione delle filiere (€11 milioni);
  • Garanzia gratuita e contributo a fondo perduto per investimenti alla transizione energetica e alla sostenibilità ambientale dei cicli produttivi (€38.1 milioni).

Bandi a agevolazioni per le imprese – aprile – giugno 2023

La primavera 2023 riserva alle imprese delle agevolazioni, principalmente contributi a fondo perduto, per lo sviluppo internazionale, digitale e sostenibile:

  • Contributi a fondo perduto per gli investimenti anche ad elevata intensità digitale di efficientamento dei processi, dei sistemi di produzione e dei canali di distribuzione di beni e servizi (€20 milioni);
  • Contributi a fondo perduto per la partecipazione a manifestazioni fieristiche di livello internazionale (€10 milioni);
  • Agevolazioni alle MPMI lombarde, non lombarde ed estere che intendono realizzare un nuovo investimento o un ampliamento della propria attività sul territorio lombardo (€20 milioni);
  • Contributo a Fondo perduto per la promozione e riqualificazione delle imprese singole e aggregate in ottica di economia circolare (€9 milioni).

Bandi a agevolazioni per le imprese – ottobre – dicembre 2023

Dopo lo stop estivo 2023, Regione ha intenzione di puntare in particolare sul sostegno agli investimenti delle imprese, favorendo l’accesso al credito e le scelte più sostenibili:

  • Contributo a fondo perduto per il rafforzamento patrimoniale delle PMI lombarde (€25 milioni);
  • Contributi per investimenti di piccole dimensioni (€13 milioni);
  • Agevolazioni per investimenti funzionali all’attivazione di processi di simbiosi industriale, in ottica di ottimizzazione e chiusura del ciclo produttivo, per la produzione e l’utilizzo di materia prima-seconda (€7 milioni)

 

Le date di apertura precise di ciascuna misura ancora non si conoscono. Rimaniamo quindi in attesa di novità dopo l’estate.

 

Vuoi rimanere informato sulle agevolazioni regionali?

Compila il form è iscriviti alla nostra newsletter o continua a leggere le nostre news


    Acconsento al trattamento dei miei dati e dichiaro di aver preso visione della Privacy Policy*

    Cascina - bando architettura rurale

    “Architettura Rurale”, apre la seconda finestra del bando per il recupero di cascine ed altri edifici rurali

    By Notiziario Informativo

    Regione Lombardia riapre il bando, con una dotazione finanziaria di 34 milioni di euro

    Il bando Architettura Rurale arriva alla sua seconda finestra di apertura. Il motivo? Il target prefissato da Regione, e condiviso a livello comunitario, non è stato raggiunto, perciò dal 19 luglio al 29 settembre 2022 si potrà presentare nuovamente domanda (lo potrà fare anche chi ne ha già presentata una considerata non ammissibile per mancato raggiungimento del punteggio minimo).

    I progetti relativi alla rigenerazione di un edificio, paesaggio rurale della prima finestra a cui sono già stati assegnati contributi sono 123, per un totale di €15.207.319. La dotazione finanziaria ancora disponibile è invece pari a €34.045.892.

    Ricordiamo brevemente le caratteristiche del bando

    Il Bando Architettura Rurale è la misura che permette a persone fisiche e soggetti privati profit e non profit, proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili appartenenti al patrimonio culturale rurale, di ricevere contributi a fondo perduto per interventi di protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale.

    Negli anni molti edifici originariamente utilizzati come abitazione o a scopo produttivo, come cascine, case coloniche, stalle, mulini, sono stati abbandonati e sono andati incontro ad un lento e graduale processo di decadimento. Ciò ha causato effetti negativi sulla paesaggistica italiana ed uno spreco di risorse che potrebbero essere utilizzate per scopi sociali, turistici, agricoli e così via. L’obiettivo del bando, per il quale Regione Lombardia ha stanziato più di 49 milioni di euro (fondi PNRR), è proprio quello di incentivare progetti di restauro e valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico rurale, migliorandone anche l’efficienza energetica.

    Entità del contributo

    L’entità del contributo varia a seconda del tipo di soggetto richiedente e dell’intervento messo in atto, oltre al tipo di regime d’aiuto relativo ad ogni soggetto. L’importo massimo concesso non può comunque superare i 150mila euro.

    Nello specifico, ogni soggetto dovrà seguire una delle seguenti linee:

    • LINEA FINANZIAMENTO 1 per persone fisiche, attività non economiche e interventi finalizzati al restauro conservativo di immobili sottoposti a vincolo: interventi di restauro conservativo e recupero di beni di elevato valore storico-artistico oppure interventi di rilevanza locale e/o attività non economica – contributo del 100% delle spese ammissibili (nel limite massimo di €150.000);
    • LINEA FINANZIAMENTO 2 per imprese agricole: interventi di protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale – contributo massimo di €25.000, nei limiti definiti dal regolamento “de minimis agricolo”;
    • LINEA FINANZIAMENTO 3 per le imprese e per le aziende agricole con interventi legati ad attività turistico/didattiche (no ricettive): contributo massimo di €150.000 per impresa, nei limiti fissati dal regolamento “de minimis”;
    • LINEA FINANZIAMENTO 4 per investimenti destinati a preservare il patrimonio culturale e naturale delle aziende agricole: contributo massimo di €10.000 (aiuto in esenzione ABER);
    • LINEA FINANZIAMENTO 5 per interventi finalizzati a realizzare interventi di recupero e valorizzazione del patrimonio rurale da destinare ad attività didattiche/culturali/museali che svolgano attività economica e in grado di richiamare un’utenza non di prossimità che incida sugli scambi tra gli Stati Membri: contributo massimo pari all’80% dei costi ammissibili (esenzione GBER)

     

    Scarica la scheda riassuntiva del bando e scopri di più