fbpx Skip to main content
IMMAGINE DI GRAFICO E BANDIERA UCRAINA

Sostegno alle imprese italiane esportatrici in Ucraina, Federazione Russa o Bielorussia – Bando Simest

By

🟡  BANDO IN APERTURA |

 

OBIETTIVI

Simest promuove un nuovo bando per il sostegno delle imprese che esportano direttamente verso l’Ucraina e/o la Federazione Russa e/o la Bielorussia e che hanno registrato una perdita di fatturato e problemi nei flussi commerciali a causa della crisi provocata dall’aggressione della Russia contro l’Ucraina. Il supporto finanziario previsto ha la finalità di incentivare, grazie al recupero di quote di fatturato, la ricerca di mercati alternativi e, quindi, il mantenimento della competitività aziendale sui mercati internazionali.

BENEFICIARI

I soggetti beneficiari sono Piccole e Medie Imprese (PMI) e MidCap (imprese non qualificabili come PMI e con un numero di dipendenti che non superi le 1.500 unità), in linea con i principi del DNSH, aventi sede legale in Italia e costituite in forma di società di capitali, che abbiano realizzato negli ultimi 3 esercizi un fatturato medio, derivante da operazioni di esportazione diretta verso l’Ucraina, la Federazione Russa e/o la Bielorussia, pari ad almeno il 20 per cento del fatturato medio aziendale totale.

Alla data di presentazione della domanda, tali imprese dovranno essere in possesso dei requisiti definiti da Simest, tra cui l’aver subito un calo del fatturato estero aggregato verso le Nazioni sopra indicate di almeno il 20% rispetto al fatturato medio estero realizzato nel triennio precedente e dichiarato.

Per scoprire gli ulteriori requisiti e quali soggetti non possono beneficiare dell’agevolazione, consulta la scheda normativa scaricabile tramite apposito form a fondo pagina.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese che i beneficiari possono sostenere, dopo la ricezione dell’esito della Domanda ed entro la fine del secondo esercizio successivo alla data di erogazione, devono riguardare:

a) La realizzazione di investimenti produttivi, anche in Italia, con acquisto di:

• Macchinari, apparecchiature ad uso produttivo, impianti e beni strumentali o potenziamento/riconversione di beni produttivi e strumentali esistenti;
• Tecnologie hardware, software e digitali, incluso il potenziamento/riconversione di tecnologie esistenti;

b) La realizzazione di un investimento commerciale in un Paese estero, per il recupero di quote del fatturato estero dell’impresa;

c) Spese per consulenze e studi e spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero finalizzati all’individuazione di mercati esteri alternativi;

d) Spese per la certificazione di prodotto e la registrazione di marchi, brevetti, ecc.

Non sono comprese spese legate alla creazione della rete di distribuzione all’estero o ad altre spese legate specificatamente alle attività di esportazione.

AGEVOLAZIONE

L’agevolazione consiste in un finanziamento a tasso agevolato ed eventuale cofinanziamento a fondo perduto ed è pari al 25% dei ricavi risultanti dagli ultimi due bilanci presentati. L’importo minimo concedibile è di € 50.000, quello massimo è di € 1.500.000. L’intervento agevolativo è concesso alle imprese entro e non oltre il 31.12.2022.

Finanziamento a tasso agevolato:

  • Tasso paro allo zero per cento;
  • Durata di 6 anni.

Cofinanziamento a fondo perduto:

  • Nella misura massima del 40% del totale dell’agevolazione;
  • Di importo massimo di €400.000 a beneficiario.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDE E TEMPISTICHE

Sarà possibile compilare e presentare le richieste di finanziamento dalle ore 09:00 del 12 luglio 2022 fino alle ore 18.00 del 31 ottobre 2022, salvo esaurimento delle risorse

 

 Compila il form per ricevere la scheda normativa con tutti i dettagli